Cap 2 - Pag 009

Esperienza sul campo

Questa capitolo potrebbe sembrarti tragico. Magari potrà turbarti, ma è proprio dall'incontro con il mondo della disabilità che nasce il progetto benessereintegrato.it.

Il mio primo giorno di lavoro ho provato un profondo sconforto quando a città di Brescia ho dovuto prendere in cura il mio primo paziente.

L'incontro con la disabilità

Là sul letto bianco vicino alla finestra che dava sul cortile interno, era sdraiato Pietro.

Era un uomo di quarant’anni e non era in grado di muoversi.

Non riusciva a controllare i movimenti.

Dopo un ictus aveva perso l’uso della parola e non muoveva la parte destra del corpo.

La vita di Pietro aveva avuto improvvisamente una brusca svolta, qualsiasi cosa avesse portato avanti fino a quel momento era stato interrotto.

Ogni persona nasce e pian piano costruisce una vita, una sua dimensione ha una sua storia da raccontare, a Pietro però era successo di perdere parte di questo mondo, era ritornato improvvisamente un bambino di pochi mesi.

Non era in grado di compiere quei gesti quotidiani che ogni giorno, ogni mattina tutti ripetiamo automaticamente, dandoli per scontati.
Ad un certo punto ci si abitua a considerare normale gesti della routine quotidiana:

  • Sdraiarsi
  • Sedersi
  • Alvarci
  • Lavarsi
  • Vestirsi
  • Mangiare

In riabilitazione queste azioni vengono chiamate con una sigla:

ADL (activity daily living) le attività della vita quotidiana

Quando una persona perde la capacità di compiere queste attività in autonomia si dice che va incontro a DISABILITA'.
Compito del fisioterapista è aiutare la persona a ritrovare la sua autonomia era questo quello per cui avevo studiato, ma trovandomi li da solo di fronte a questa situazione iniziai a riflettere.

Tante domande alla ricerca di una soluzione.

Nella mia testa si fecero largo molte domande a cui ancora oggi penso:

  • Perchè capitano queste situazioni?
  • Cosa ha causato l’ictus?
  • Può capitare a tutti?
  • Cosa posso fare io per questa persona ora che il peggio è successo?
  • Non sarebbe stato meglio intervenire prima?
  • Come è stato possibile che Pietro si sia ridotto a giungere in questa situaizione?

Ma una domanda più di tutte non mi lasciava in pace:

Perchè le cose accadono senza che ce ne accorgiamo?

  • Pietro si era accorto che di li a poco avrebbe perso tutto?
  • La sua salute era buona o era già compromessa da tempo?
  • Possibile che il corpo non gli abbia lasciato dei segni, delle spie per fargli capire che qualcosa non funzionava?
  • Si poteva in qualche modo evitare di giungere a un problema così invalidante?
  • Non era possibile intervenire prima che succedesse quel grave danno al sistema nervoso?
  • Prima che succedesse tutto questo Pietro aveva un quadro della sua salute?
  • Persino nelle automobili c’è un cruscotto con delle spie che avvisano quando il motore ha una temperatura troppo elevata e rischia di fondere, quali sono i segnali, le sensazioni, le spie da osservare per conoscere lo stato della nostra salute?

Una semplice guida forse avrebbe potuto cambiare la vita di Pietro?

Ero disorientato mi sentivo impotente. Quel giorno decisi che avrei iniziato a studiare e avrei trovato una soluzione per chi volesse in qualche modo tenere sotto controllo la propria salute e imparare a leggere i segnali del corpo prima di incappare in eventi traumatici irreversibili.

Prima di arrivare alla disabilità, alla perdita della capacità di utilizzare questo fantastico corpo, questo dono così prezioso che ci hanno donato alla nascita.

Forse c’era qualcosa che la fisioterapia poteva fare in via preventiva per aiutare le persone a non arrivare a queste condizioni estreme, forse la fisioterapia poteva fare da anello di congiunzione tra la medicina e gli altri professionisti che si occupano di salute...

Perchè ti ho raccontato questa storia? Perchè è proprio in quel giorno decisi di iniziare la mia ricerca per dare una soluzione concreta alle persone che volessero lavorare in modo approfondito sulla propria salute!

Questa guida è il frutto di anni di formazione corsi, studi e sperimentazione ore ed ore di lavoro di confronto con professionisti nel mondo della salute e del benessere. Non è stato facile condensare in poche pagine tutte le fantastiche esperienze che ho incontrato.

Spero almeno di riuscire a passarti alcuni concetti fondamentali e che possano esserti utili.

I miei maestri mi hanno anche detto che perchè l'esperienza possa passare in modo autentico dovrebbe passare per esperienza diretta. Spesso su carta su video o su altri formati vengono perse molte delle informazioni preziose che il corpo sarebbe in grado ri recepire.

Nonostante il loro consiglio corro il rischio perchè ritengo che chi ha la volontà può cogliere il messaggio anche leggendo un libro o guardando un video!

Ma ora ritorniamo al viaggio, per scoprire di più sui bisogni del nostro corpo e per imparare a leggere i segnali che esso ci manda ogni giorno!